Lo Spazio diventa arte

PALERMO. Apre le porte ai visitatori la mostra “META LAND ART Apofenie Satellitari” di Max Serradifalco, a cura di Fabiola Di Maggio, presso la Foresteria di Palazzo Riso a Palermo.

“Se dalla fine dell’Ottocento in poi abbiamo sempre più compreso che il mondo dello spazio è un’opera d’arte, – si legge in una nota – il mondo visto dallo Spazio non è da meno. I satelliti sono divenuti negli ultimi anni media innovativi e affascinanti per la creazione artistica, della fotografia segnatamente. Tanto che oggi si parla a pieno titolo di Arte fotografica satellitare”.

L’esposizione “Meta Land Art. Apofenie Satellitari”, a cura di Fabiola Di Maggio, presenta le opere dell’ultimo reportage fotografico realizzato da Max Serradifalco nel 2016.

Come tutti gli altri reportage satellitari dell’artista, è una serie di fotografie prodotte con l’ausilio della piattaforma virtuale Google Maps. Serradifalco ha puntato l’obiettivo del satellite sulle opere di Land Art realizzate in misura maggiore tra gli anni Sessanta e Ottanta del Novecento dagli artisti Robert Smithson, Nancy Holt, Michael Heizer, Alberto Burri e James Turrell.

Incorporando l’opera di Land Art nel suo scatto, l’artista crea anch’egli, come già solito fare, la sua opera di Land Art. Il doppio livello di arte di paesaggio presente nella sua fotografia consente di parlare espressamente di Meta Land Art, ovvero un’opera di Land Art che contiene un’opera di Land Art nata dall’incontro tra un segno artistico introdotto nel paesaggio (per esempio i tubi di Nancy Holt) e le forme naturali e accidentali della terra in cui esso è stato inserito (in questo caso il deserto dello Utah). A questa messa in opera pirandelliana Serradifalco aggiunge l’elemento percettivo dell’apofenia tanto sfruttato da artisti del calibro di Leonardo da Vinci, Giuseppe Arcimboldo, Salvador Dalί, Max Ernst o Jean Dubuffet. Si tratta, cioè, della possibilità immaginativa di scorgere in forme casuali o astratte delle immagini figurative.

Lo Spazio diventa arteultima modifica: 2017-04-18T16:28:33+00:00da diegoromero
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento