Ligabue. Sono passati 24 anni da ‘Sopravvissuti e sopravviventi’

Mentre si aspetta Made in Italy, si fa sempre in tempo a ricordare un buon album di Ligabue. Uno di questi è Sopravvissuti e sopravviventi, il terzo lavoro del cantante di Correggio, ampiamente sottovalutato all’epoca e altrettanto ampiamente rivalutato dai fan (e dallo stesso Luciano) col passare del tempo. Fu pubblicato quasi 24 anni fa, il 22 gennaio 1993. È l’ultimo album che incise interamente con i ClanDestino, e uscì in un periodo “nero” per il Liga: in quei mesi si consumò la sua rottura con il suo primo manager Angelo Carrara. Fu una rottura traumatica, i due arrivarono a non parlarsi più, per un lungo periodo addirittura si odiarono. sopravv-cover

Eppure l’album nacque in un bel clima. Fu registrato nell’arco di due mesi agli Umbi Studios. Racconta Gigi Cavalli Cocchi: «Eravamo come una scolaresca in vacanza». E aggiunge Max Cottafavi: «Volevamo fare un disco cattivo, duro. Quell’anno era esploso il grunge ed eravamo tutti intrippati con Nirvana e Soungarden». Fatto sta che ne scaturì un album quasi hard rock. La prima versione fu bocciata dalla casa discografica, così lo rimixarono. Ma anche la versione definitiva fu accolta con molte perplessità. «Sentivo la necessità di dimostrare», mi disse Luciano qualche anno dopo, «di essere cresciuto come autore e come produttore, ma evidentemente a un certo punto la faccenda mi è sfuggita di mano senza che me ne rendessi conto». Quando uscì, il disco non fu accolto bene dai fan. Lui difese il suo lavoro a spada tratta definendolo «La cosa migliore che ho fatto», ma riuscì a convincere solo una parte del suo pubblico.

Ligabue. Sono passati 24 anni da ‘Sopravvissuti e sopravviventi’ultima modifica: 2016-11-15T02:23:05+01:00da diegoromero
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento