Vince un libro rock a ILMIOLIBRonline 2017

Trionfa In nome del rock italiano, il libro scritto a quattro mani da due autori appassionati di rock. La conclusione del premio letterario  è avvenuta il 3 novembre 2017. 

In nome del rock italiano vince ILMIOLIBRonline 2017

Quindi, il primo posto del premio letterario ILMIOLIBRonline 2017 è andato a “In nome del rock italiano”, di Mimmo Parisi e Diego Romero. In questa pubblicazione, i due autori, hanno messo insieme i nomi di alcuni artisti che – ognuno per le sue peculiari caratteristiche – continuano ad appassionare i fan anche dopo i grandi cambiamenti avvenuti nel primo decennio degli anni Duemila nel mondo della musica italiana e internazionale. La morale del libro è semplice: “Una canzone cantata da un/una rocker italiano aiuta a sperare in un domani più luminoso dell’Enel”.

Sono stato più cattivo

Al secondo posto si è piazzata l’autobiografia di Enrico Ruggeri “Sono stato più cattivo”. Il cantautore milanese nel suo testo è stato sereno e sincero: «Mettere per iscritto la mia vita è stato un percorso molto duro, con momenti di autentico dolore», ha scritto nell’ultimo capitolo di «Sono stato più cattivo», la sua autobiografia di 240 pagine uscita per la Mondadori. E ancora: «Non mi sono mai aperto veramente con nessuno, fino al momento in cui ho scritto questo libro».

La più amata

Segue Teresa Ciabatti con il romanzo “La più amata”. Un’indagine per chiarire chi si ha come genitore. Insomma, questo il quesito dell’autrice e dei lettori, chi è Lorenzo Ciabatti? Il medico benefattore che ama i poveri o un uomo calcolatore, violento? Un potente che forse ha avuto un ruolo in alcuni degli eventi più bui della storia recente? Sua figlia,la bambina bella e coccolata è diventata una ragazzina fiera e arrogante, indisponente e disarmante. Ingrassa, piange, è irascibile, manipolatrice, è totalmente impreparata alla vita. Ormai adulta, Teresa decide di scoprirlo, e si ritrova immersa nel liquido amniotico dolce e velenoso che la sua infanzia è stata: domande mai fatte, risposte evasive.

Il labirinto degli spiriti

Quindi, “Il labirinto degli spiriti” di Carlos Ruiz Zafon. Lo scrittore presenta un romanzo inebriante, fatto di passioni, intrighi e avventure. Attraverso queste pagine ci troveremo di nuovo a camminare per stradine lugubri avvolte nel mistero, tra la Barcellona reale e il suo rovescio, un riflesso maledetto della città. E arriveremo finalmente a scoprire il gran finale della saga, che qui raggiunge l’apice della sua intensità e al tempo stesso celebra, maestosamente, il mondo dei libri, l’arte di raccontare storie e il legame magico che si stabilisce tra la letteratura e la vita.

Le otto montagne

E, infine, il fenomenale “Le otto montagne” di Paolo Cognetti. Pietro è un ragazzino di città. La madre lavora in un consultorio di periferia e si fa carico dei problemi altrui. Il padre è un chimico, un solitario, e torna a casa ogni sera con l’aria di chi è stato deluso dal mondo. I due coniugi, per grande fortuna, sono uniti da una passione comune, la montagna. Quella montagna che li ha uniti da sempre, anche nell’orizzonte grigio di Milano. Quando scoprono il paesino di Graines sentono di aver trovato il posto giusto per il loro Pietro. Il bambino trascorrerà tutte le estati con Bruno, capelli biondo canapa e collo bruciato dal sole: ha la sua stessa età ma si occupa del pascolo delle vacche. E ha una visione realistica del mondo.

Vince un libro rock a ILMIOLIBRonline 2017ultima modifica: 2017-12-07T20:58:04+01:00da diegoromero
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento