Salone del Libro, 2020

Il Salone del Libro 2020 è online
 I libri non si arrendono al Covid-19 e sbarcano sul Web. Circa un centinaio di librerie in tutta Italia rappresentano, il volto «offline» del Salone del Libro, che ha aperto la propria edizione il 14 maggio, con lo storico Alessandro Barbero (ore 19, diretta su salonelibro.it come tutti gli incontri in programma), in attesa della fiera che dovrebbe svolgersi in autunno. Il direttore, Nicola Lagioia, parla di «festa nazionale del libro» perché i librai hanno allestito le loro vetrine a tema Salone, mentre alcuni di loro, in altre città, trasmetteranno le dirette degli eventi come audio di sottofondo all’interno dei loro locali.

Libri su libri, insomma. L’esperimento online, però, potrebbe diventare un modello, che parte da Torino per estendersi, chissà, anche ad altre fiere e manifestazioni. “Questo è tipicamente torinese — dice Lagioia — perché Torino e il Piemonte sono un po’ i laboratori d’Italia”. Fra i molti sostenitori della veste online – che si spera limitata solo a quest’anno… – trova posto lo scrittore bolognese Mimmo Parisi.

In questi tempi disabitati ho osservato, come tanti del resto, un mondo alieno. Comandato da alieni. Perché i virus provengono per forza da qualche parte che non ha un vero contatto con gli umani. Non ci si può arrendere a loro, ma la società dovrebbe fermarsi – cosa ampiamente successa, anche se per forza! – e interrogarsi sulle proprie priorità. Si è nella fase 2, ma non credo che il messaggio della pandemia sia arrivato. Non si è visto nessuno dei politici, dei grandi imprenditori, degli artisti ultra famosi, di qualsiasi individuo che detenga un grande potere economico sui suoi simili fare un vero gesto di solidarietà affermando, ‘Da questo momento si riparte davvero alla pari. Tutti, nessuno escluso, si avrà diritto a una vita dignitosa che passa, per esempio, dal livellamento degli stipendi . Perché uno statista non ha bisogno di ricavare 20mila euro al mese per essere uno statista… ‘ Nessuno ha voluto mettere fine agli egoismi. Peccato,  è stata un’occasione mancata. Ma non bisogna disperare, il futuro è futuro perché quando arriva ti lascia a bocca aperta: chi si aspettava il Covid-19?”

Mimmo Parisi inoltre ha annunciato la prossima pubblicazione del suo nuovo romanzo, La ragazza degli oceani. Il libro ha come fil rouge un evento fantastico che cuce, con precisione, situazioni attuali come il tema del lavoro, e la speranza che il mondo possa e debba essere migliore di quanto prometta.

Salone del Libro, 2020ultima modifica: 2020-05-15T09:12:10+02:00da diegoromero
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento